Krion la superficie solida di Porcelanosa

Krion di Porcelanosa: un materiale innovativo e duttile

Tra i materiali di nuova generazione più innovativi negli ambiti di interior ed exterior design c’è sicuramente Krion. Krion è una superficie solida, realizzata da Systempool, azienda del Gruppo Porcelanosa. Si tratta di un materiale simile alla pietra naturale che risulta caldo al tatto. Questo materiale è composto da due terzi di minerali naturali (alluminio triidrato) e, in piccole percentuali, da resine ad alta resistenza. Grazie alla sua composizione, Krion possiede alcune proprietà particolari: assenza di pori, durezza, durevolezza, manutenzione ridotta, elevata duttilità e antibattericità. Krion è un materiale che può essere anche iniettato durante il processo produttivo, al fine di progettare soluzioni uniche. Inoltre, si tratta di un materiale totalmente ecologico: è riciclabile al 100%.

Tono: la nuova collezione di Porcelanosa ideata da Foster + Partners che sfrutta tutte le proprietà di Krion

Krion è stato uno dei protagonisti principali dello stand di Porcelanosa all’ultima edizione del Cersaie. È, infatti, tra i materiali previsti per la nuova collezione bagno di Porcelanosa, “Tono“. Tono è stata progettata dal celebre studio di architettura e design Foster + Partners. Alla base di questa collezione c’è una concezione minimalista e funzionale del bagno. In Tono il bagno è un ambiente dove il design nasce dell’efficienza di ogni elemento, più che dall’estetica delle decorazioni.

L’uso di Krion, in Tono, offre la possibilità di non utilizzare supporti esterni per l’installazione di lavabi e piani di lavoro. Le caratteristiche intrinseche di Krion, rendono questi elementi autoportanti e leggerissimiInoltre, la produzione per colata di Krion, consente di ottenere forme precise, molto fedeli a design originali, a costi contenuti e disponibili anche in formati di grandi dimensioni. Per quanto riguarda i lavabi, è possibile regolare il flusso ottimale dell’acqua, attraverso il sistema troppopieno nascosto disponibile solo negli elementi da bagno realizzati in Krion.  Così, il concept originale è rispettato pienamente e le qualità funzionali del materiale non vengono limitate. Per quanto riguarda gli specchi retroilluminati della collezione Tono, l’opacità di Krion consente, a parità di watt, di ottenere un’illuminazione del bagno maggiore rispetto a quella ottenuta con altri materiali.

Noken, L’Antic Colonial e Systempool hanno lavorato attraverso Foster + Partners alla realizzazione della linea di accessori bagno di Tono. Tra le caratteristiche di queste accessori: la facilità di pulizia e la rigenerazione. Infatti con Krion è possibile riparare completamente, con uno specifico kit, le parti lesionate senza notare alcuna giuntura.